Nuova pagina 1
Home World Gallery Video Blog Decalogo Forum
BLOG DETTAGLIO ARTICOLO
11 Settembre
Ambiente
Casagiovanni
Cinema
Curiosità
Debunker
Economia
Esteri
Girls
Medicina
Misteri
Motori
Politica
Sport
Truffe
Varie
Web

CERCA NEL BLOG

04/09/2008 - Confermato: Israele usava la Georgia come base di attacco all’Iran



di Maurizio Blondet        04 settembre 2008


«In base ad un accordo segreto fra Israele e Georgia, due campi d’aviazione militari nella Georgia meridionale erano stati assegnati ai bombardieri israeliani per un attacco preventivo contro le installazioni nucleari dell’Iran. Ciò riduce notevolmente la distanza che i caccia-bombardieri devono coprire per raggiungere i loro bersagli in Iran».

Stavolta a scriverlo nero su bianco non è un complottista marginale. E’ Arnaud De Borchgrave, storico direttore del Washington Times ed ora, in tarda età, «editor-at-large» (ossia direttore non esecutivo, ma libero commentatore) dell’agenzia internazionale UPI. Un personaggio (l’ho conosciuto di persona in anni lontani) con ottimi agganci con  servizi segreti, in primo luogo francesi.

Ora egli conferma tutto ciò che abbiamo detto in questo sito: Israele ha addestrato ed armato i georgiani, e si è fatta pagare (in parte)  facendosi concedere due basi militari avanzate contro Teheran (1). S’intende che i caccia-bombardieri israeliani, per raggiungere le loro basi in Georgia, avrebbero dovuto «sorvolare lo spazio aereo della Turchia».

«L’attacco ordinato da Saakashvili contro il Sud-Ossezia la notte del 7 agosto», aggiunge De Borchgrave, «ha dato ai russi il pretesto per ordinare alle sue forze speciali di fare incursione in queste basi isrealiane, dove si dice che sono stati catturati diversi droni israeliani. E’ dubbio che l’IAF (Israeli Air Force) possa ancora contare su queste basi», dice sardonico.
 Al pubblico americano, De Borchgrave rivela diversi particolari, già noti ai lettori di EFFEDIEFFE.

Che il «ministro della Difesa georgiana Davit Kezerashvili è un ex-israeliano che si è trasferito per facilitare le vendite di armi israeliane con l’aiuto degli USA».

Che «il primo ministro Vladimir Gurgenidze», prima dell’attacco, «ha fatto una telefonata in Israele per chiedere una benedizione speciale al più importante rabbino degli haredim, rabbi Aaron Leib Steinman».

Che «da Israele arriva il maggiore Roni Milo, ex ministro e sindaco di Tel Aviv, con suo fratello Shlomo, in  qualità di rappresentanti della Elbit Systems, e delle Israeli Military Industries». Sono i droni fabbricati dalla Elbit ad «aver condotto i voli di ricognizione nella Russia meridionale, e anche nel vicino Iran».

Che il «ministro georgiano Temur Yakobashvili - un ebreo secondo Haaretz - si è fatto intervistare dalla radio dell’armata israeliana per vantarsi», alquanto improbabilmente, che «un piccolo gruppo dei nostri uomini sono stati capaci di spazzar via una intera divisione russa, grazie all’addestramento israeliano».

Il generale Anatoly Nogovitsyn, vice-capo di stato maggiore russo, ha infatti confermato in una conferenza-stampa a Mosca che l’aiuto israeliano alla Georgia comprendeva «otto tipi di veicoli militari, esplosivi, mine ed esplosivi speciali per pulire i campi minati», e in più «un numero di istruttori israeliani distaccati presso la milizia georgiana valutato tra i 100 e i mille. Oltre ai 110 militari Usa impegnati nell’addestramento in Georgia».

De Borchgrave ricorda che a luglio era avvenuta l’esercitazione Usa-georgiana «Immediate Response 2008», durante la quale «2000 soldati Usa erano stati trasportati in Georgia», lasciando capire che tale esercitazione serviva a preparare, e a mascherare, l’attacco a sorpresa al Sud Ossezia.

Invece la sorpresa l’hanno fatta i russi. Perchè - e qui De Borchgrave fornisce informazioni molto interessanti, di sue fonti - agenti doppi russi, «che in apparenza lavorano per i georgiani», hanno riferito a chi di dovere delle «fantasie militariste dell’impetuoso Saakashvili»; d’altra parte, gli Stati Uniti non avevano sufficiente «capacità di spionaggio satellitare, già stra-impegnato nelle guerre in Iraq e Afghanistan».

Sicchè nè gli uni nè gli altri «si sono accorti che le forze russe erano pronte ad una risposta immediata e massiccia all’attacco in Sud-Ossezia, che Mosca sapeva (in anticipo)  imminente».

Quando poi la sorpresa si è trasformata in rotta, l’ambasciatore georgiano a Gerusalemme ha chiesto disperatamente di «far pressione su Mosca». Ottenendo la seguente risposta: «L’indirizzo per questo tipo di pressioni è Washington». Che, come sappiamo, esegue. Israele, a quel punto, era allarmatissima di non guastarsi del tutto con Mosca: la Russia può creargli molti guai, fornendo armamento all’Iran, alla Siria, a Hezbollah.

Il fatto è, conclude sarcastico  De Borchgrave, che Saakashvili era convinto che gli USA l’avrebbero sostenuto totalmente nella sua guerricciola, correndo in suo aiuto contro la Russia, come «se la Georgia fosse l’Israele del Caucaso». Ovviamente gli USA non hanno potuto fare altro che qualche borborigmo minaccioso, e qualche provocazione inutile, come mandare aiuti «umanitari» ai georgiani  su navi da guerra.  Ottenendo anche  qui una mezza umiliazione.

La Turchia, che controlla lo stretto del Bosforo, ha rifiutato il passaggio di navi da guerra americane di grande tonnellaggio nel Mar Nero, come ha il diritto di fare in base alla Convenzione di Montreux, un trattato internazionale del 1936 (2).
Il che conferma perchè la Turchia «non merita» di entrare nella UE: ha troppa dignità, troppo senso del proprio interesse nazionale, per entrare in questa conigliaia di servi spaventati di Usrael.

Un collega, ottima fonte, mi dice che anche la UE ha finanziato l’armamento della Georgia, attraverso denari etichettati come «fondi per lo sviluppo». Naturalmente è una notizia incontrollabile per principio, dati i labirinti del bilancio eurocratico, dove la pratica di nascondere le voci sotto altre voci è una forma d’arte. Ma è del tutto credibile.

Il che spiega perchè le truppe russe non hanno fretta di lasciare la Georgia. E perchè la UE ha alzato il ditino moralistico contro Mosca, ma per poi farle sapere (dopo consultazioni sottobanco) che non la isolerà nè eleverà sanzioni contro la Russia; annuncio che è stato accolto a Mosca con sardonica soddisfazione. Perchè tutti capiscono che le sanzioni, sono loro che le possono applicare a noi, tagliandoci il petrolio in inverno.

Così abbiamo fatto anche questa figura: dei deboli ridicoli e doppiogiochisti, per non aver avuto il coraggio di affermare che la ragione stava dalla parte di Putin, e che Israele e gli americani devono smettere di provocare e intrigare «out of area», mettendo in pericolo il mondo. Forse siamo noi che dovremmo chiedere l’entrata nella Turchia...


1) Arnaud De Borchgrave, «Commentary:  Israel of the Caucasus»,  Middle East Times, 2 settembre 2002.
2) «Turkey refused to open the straits to two hospital ships of the U.S. Navy the tonnage of which exceeded the limits set by the Montreux Convention which governs international traffic through the Dardanelles and Bosphorus straits; but agreed to the passage of smaller U.S. ships in line with the convention. The U.S. ships delivered humanitarian supplies to the Georgian port of Batumi.  Meanwhile warships that belong to NATO members Spain, Poland and Germany also passed through the straits heading to Constanta in Romania to participate in the long-planned NATO exercises.  Russia responded harshly to the increased NATO military presence in the Black Sea, threatening that it would hold Turkey responsible if the ships did not leave in 21 days».   (Hurriyet, 29 agosto 2008).



Fonte:http://www.effedieffe.com/content/view/4378/166/

Inserito da: Presty
Categoria:
Esteri
INDIETRO
 

 
 
E-Mail
Nome*
Commento*





 
 

se volete contattarci scriveteci a: info@casagiovanni.net

Tutte le immagini ed i video contenuti in questa sezione, si riferiscono a fatti realmente accaduti agli autori di questo sito. Ogni riferimento a cose o persone è puramente casuale. Chiunque ritenga che i contenuti di questo sito costituiscano una violazione della propria privacy (ai sensi della legge n. 675/1996) può invarci una comunicazione all’indirizzo info@casagiovanni.net. Provvederemo tempestivamente alla rimozione di tale materiale. Parte del materiale presente all’interno di questo sito è stato preso liberamente da Internet. Chiunque ne reclami la proprietà (ai sensi della Legge n. 633 del 22 aprile 1941) è pregato di darcene comunicazione all’indirizzo info@casagiovanni.net. Provvederemo tempestivamente alla rimozione di tale materiale.